ricerca dettagliata

News e consigli

Storia del bagno: tra passato e futuro
‹ torna indietro

Storia del bagno: tra passato e futuro

La stanza da bagno è frutto di un’evoluzione che comincia in tempi molto lontani da noi. Soltanto alcuni secoli fa il concetto di bagno iniziò ad essere riferito ad uno specifico luogo in cui vi erano collocati i servizi igienici ma nella remota antichità il suo significato era completamente diverso. Difatti tale termine storicamente dal latino “balneum” indicava l’immersione in un qualsiasi liquido, associando quindi il bagno ad una cosiddetta “purificazione spirituale” che avveniva sotto forma di rituali religiosi o magici.

Purificazione ma non solo: nell’antica città di Troia le donne erano solite immergersi nello Scamandro, fiume menzionato nei poemi omerici, al fine di propiziare la fertilità, mentre nell’antica Roma i tribuni manifestavano la loro estraneità a fatti ed eventi specifici lavandosi pubblicamente le mani. Sono molteplici gli esempi che sottolineano quindi come il concetto di bagno fosse legato a simbolismi ben precisi e non ad uno specifico luogo della casa.

Solo nei primi anni dell’800 vennero introdotte le prime aree domestiche dedicate al bagno in modo più strutturato, per quanto, anche in questo caso, non era l’igiene personale l’esigenza di primaria importanza, piuttosto era fondamentale vantare questo tipo di “comfort” all’interno della propria abitazione per elevarsi socialmente.

Il bagno si diffonde nelle abitazioni.

La propaganda a favore dell’importanza dell’acqua per scongiurare l’intensificarsi di epidemie, unita ad una rinnovata spinta verso le pratiche igieniche, favorì una vera e propria rivoluzione nella concezione del bagno.

Tale rivoluzione portò essenziali cambiamenti: il gabinetto perdeva infatti il suo significato più frivolo, così come alcune connotazioni generiche come “salottino intimo” o “studiolo”, assumendo il più specifico termine di gabinetto da bagno, uno spazio interamente dedicato e perfettamente autosufficiente anche a livello idrico.

L’evoluzione dell’arredamento bagno.

Ma il cambiamento continuò anche a livello stilistico. Se alla fine dell’800 si era radicata una concezione di arredamento per il bagno votata alla raffinatezza e ai rivestimenti con maioliche decorate da preziosi disegni, negli anni ’20 del Novecento la funzionalità divenne la prerogativa principale.

Grazie ad invenzioni sempre più sofisticate, come ad esempio il sistema di ventilazione che, di fatto, permetteva di collocare questo specifico ambiente in qualsiasi punto della casa, il bagno divenne finalmente un luogo unico, da vivere a 360°.

Fu però intorno al 1950 che si ebbe un’ulteriore evoluzione: il bagno non più visto solo come un luogo necessario all’interno della propria abitazione, ma essenziale nella creazione di uno spazio personale in cui dedicarsi alla cura del corpo. 

Il bagno negli anni 2000.

Negli ultimi anni il design innovativo e la ricerca di materiali sempre più sostenibili hanno ulteriormente modificato il concept bagno.

Nel bagno moderno ogni elemento deve essere coordinato con tutto l’ambiente circostante, ogni accessorio diventa indispensabile nell’ottenere il giusto relax: confortevoli sedili wc, sgabelli su misura, getta carta colorati, moderni porta scopino, tappetini inattaccabile dalle muffe e dagli acari.

Nulla è lasciato al caso nella costruzione dell’odierno bagno in cui design e comfort possono finalmente convivere in un luogo ormai centrale della propria casa.

Login

Sei gia iscritto?
Esegui il login con i dati in tuo possesso.

Email
Password
Password Persa?
registrati

Gentili clienti,
causa emergenza nazionale interrompiamo la ricezione di ordini.

Lo staff di Mycopriwater